PanicoLogotypeDEF-1

Dr. Claudio Panico 
Corso Vittorio Emanuele II, 62 - 10121 Torino (TO) - tel. 011 542593 - oculistapanico@gmail.com

P.Iva 02790720011

Alcon
2000px-LogoAlcon.svg
WEBIDOO-LOGOFOOTER

Farmed by WEBIDOO

 

SENZA BISTURI, SENZA DOLORE.

 

L'ultima eccellenza tecnologica della chirurgia della cataratta

è la femtocataratta, l'intervento senza bisturi, forbici e aghi

(bladeless o free blade surgery). 

Il femtolaser o laser a femtosecondi permette un recupero visivo molto rapido e utilizza un solo

fascio di luce per eliminare la cataratta e, contemporaneamente, correggere anche gli altri difetti della vista.​

backgroundocchi-ragazza2

Sai contare fino a un

Femtosecondo?

È pari a un milionesimo di miliardesimo di secondo! Una manciata di femtosecondi, bastano per dire addio alla cataratta.


Il femtolaser per la cataratta rappresenta la più raffinata e preziosa evoluzione nella chirurgia oculistica.

 

Si tratta di un robot delicato e preciso che va a sostituirsi al chirurgo nei passaggi più critici eseguiti manualmente con la microchirurgia tradizionale (accessi, apertura della capsula anteriore e frammentazione della cataratta) e che in circa 35 secondi permette di eliminare tutte le fasi dell’intervento che prevedono uno strumento tagliente.

 

COS'E' LA CATARATTA?

La cataratta è un opacamento progressivo del cristallino,la lente naturale dell’occhio collocata dietro l’iride, che serve per metter a fuocoi raggi luminosi sulla retina permettendo una visione distinta.

 

È una malattia antica quanto l’uomo e da sempre costituisce la prima causa di cecità nel mondo.

Il nome deriva dall’antico greco e significa letteralmente “scendere giù”. Secondo gli egizi, che chiamavano allo stesso modo le cascate del Nilo, la cataratta aveva la forma di un velo che scendeva a cascata sull’occhio..  

Cataratta1
Cataratta2

Cristallino opaco (cataratta)

Cristallino trasparente (occhio normale)

I maggiori sintomi della Cataratta sono:

 

1. un calo progressivo della vista

2. una visione offuscata

3. ipersensibilità alla luce e sensazione, soprattutto all’esterno, di abbagliamento

4. percezione di una minor vivacità dei colori

5. comparsa  (o se già presente, l’aumento) della miopia

6. necessita di cambiare  frequentemente gli occhiali

7. miglioramento della visione da vicino

8. difficoltà nella guida notturna.

 

Quando l’opacità del cristallino diventa molto densa, non si è più in grado di distinguere gli oggetti.

 

Nelle fasi molto avanzate della malattia si rischia la perdita anche totale della vista, che però potrà essere pienamente recuperata con l’intervento chirurgico. 

 

Attualmente l’unico trattamento valido resta quello chirurgico.

 

Non si tratta di un’operazione da eseguire d’urgenza e può essere praticata indipendentemente dal grado di opacizzazione del cristallino.

 

L’intervento di cataratta costituisce oggi l’operazione chirurgica più eseguita in tutto il mondo (circa 650.000 interventi all’anno solo in Italia).

 

Oggi si può contare sulla femtocataratta, l’ultima eccellenza tecnologica, l’intervento senza bisturi, forbici e aghi (bladeless o free blade surgery).

DSC0937

I VANTAGGI SONO DAVVERO TANTI.

Affidarsi al femtolaser offre numerosissimi vantaggi, prima di tutto maggiore sicurezza e precisione.

L'intervento di chirurgia laser assistita garantisce:

 

1. una tecnica senza bisturi, che non prevede in nessun modo taglienti e relativi punti di sutura

2. di risolvere diversi difetti della vista in pochi istanti (il tempo di attività del laser è di appena 30/40 secondi)

3. di rendere i passaggi critici della chirurgia manuale, robotizzati e ripetibili, sicuri e precisi

4. di ridurre del 43% l’energia degli ultrasuoni

5. un trattamento davvero personalizzato                                                    

6. un intervento meno traumatico e meno invasivo, veloce e indolore

7. un rapido recupero visivo e un ritorno quasi immediato alle normali occupazioni                                         

8. un minore astigmatismo indotto

9. risultati refrattivi più precisi e stabili

10. minori complicazioni 

 

"Con tutte quelle, tutte quelle bollicine..." 

il nostro centro utilizza Il femtolaser, che emette un fascio di luce infrarossa con impulsi del diametro di un micron, che, agendo esclusivamente sul piano che è stato messo a fuoco, lascia intatti i tessuti attraversati e genera una serie di migliaia di microbolle di gas, una vicina all’altra.

 

"Come funziona?"

Le microbolle, dilatandosi, vanno a separare dolcemente i tessuti, senza produrre calore, secondo la geometria di taglio programmata a monte dal chirurgo. 

 

 

Possono effettuare: 

 

 

La dilatazione dei tessuti sostituisce il bisturi e predispone l’occhio alle fasi successive di chirurgia classica:

 

  • aspirazione dei frammenti della cataratta
  • introduzione del cristallino artificiale.

 

Le lenti intraoculari premium possono correggere sia l’astigmatismo che la presbiopia.

 

In ogni caso, non esiste una formula standard valida per tutti, ma il trattamento va definito dal chirurgo, dopo un'attenta visita.

occhio

Ogni occhio è unico, ogni

trattamento è personalizzato.

 

L'intervento chirurgico di Cataratta con il Laser Femtosecondi passo dopo passo.

wineworld.jpeg
wineworld.jpeg
wineworld.jpeg
wineworld.jpeg
GettyImages-157473327

 

SENZA BISTURI, SENZA DOLORE

RECUPERO IMMEDIATO IN POCHE ORE.

L’intervento di cataratta senza bisturi e senza dolore, dura pochi minuti.

Il postoperatorio non prevede né bendaggi, né punti di sutura.

 

Il recupero è rapido e in certi casi, la visione è già molto buona il giorno seguente l’intervento.​ 

Nell’intervento chirurgico di rimozione della cataratta velocità e precisione sono importantissimi, per questo motivo  un laser è sicuramente più affidabile e preciso di qualsiasi mano, anche la più abile ed esperta.​

 

A differenza di quanto comunemente si creda infatti, l’intervento di cataratta non è così semplice: i tessuti su cui si va ad operare sono molto esili, misurano solo pochi millesimi di millimetro, sono trasparenti e visibili solo al microscopio operatorio.

 

Quindi, nonostante effettivamente il femtolaser per la cataratta renda alcune fasi operatorie indipendenti dall‘abilità o dall'errore manuale del chirurgo, la condizione ottimale per un intervento ben eseguito, senza bisturi e senza dolore (e senza brutte sorprese post-operatorie…) prevede in realtà un giusto mix tra il massimo della tecnologia ed il massimo della competenza acquisita dall’oculista.

 

Chi può essere operato di Cataratta con il Laser a Femtosecondi

Trattandosi di un intervento meno invasivo e meno traumatico di quello classico, il 90% degli occhi è pienamente compatibile con la tecnica femtolaser per la cataratta.  

 

Anche gli occhi più fragili, con poche cellule endoteliali, post-traumatici o pluri-operati, hanno oggi una indicazione elettiva al trattamento della cataratta con questa tecnica.

 

In alternativa, si può comunque fare affidamento su una tecnica di facoemulsificazione ad ultrasuoni, molto efficace ed in uso da più di trent’anni.

 

Purtroppo, i costi delle piattaforme, le curve di apprendimento e l’altissima specializzazione che i chirurghi devono avere, per ora ne limitano gli usi, soprattutto in ambiente pubblico. Si spera che nel giro di qualche anno, questo tipo di chirurgia d’élite possa diventare accessibile anche presso i migliori ospedali del Servizio Sanitario Nazionale.

 

A Torino il Laser di ultima generazione.

Se stai cercando la chirurgia Laser a Femtosecondi a Torino, la procedura di eccellenza oggi per l’asportazione della cataratta, lo staff del Dr.Claudio Panico, con circa 20.000 interventi chirurgici eseguiti ogni anno presso l’Ospedale Oftalmico di Torino e un’esperienza ultratrentennale, insieme alla tecnologia all’avanguardia di Zeiss, può offrirti il giusto mix tra il massimo dell’esperienza e della competenza e il massimo della tecnologia.​

Ci sono ancora dei punti un po' offuscati?

Approfondisci con le nostre domande frequenti (FAQ).

VUOI VEDERCI SUBITO CHIARO? 

Prenota una visita, compila il form e verrai ricontattato quanto prima per confermare la disponibilità.